Daily Archives:10 aprile 2016

LA LIBELLULA DI LUCE ✨

10 apr , 2016,
Sofia
No Comments
'Hey Luce, corri! L vedi quella lì in fondo? Quella cosa che vola? Ecco, quella è una libellula; ogni volta che ne vedo una mi rallegro, divento felice"

‘Hey Luce, corri! La vedi quella lì in fondo? Quella cosa che vola? Ecco, quella è una libellula; ogni volta che ne vedo una mi rallegro, divento felice”

L’altro giorno è stato un giorno davvero speciale. Era il mio compleanno, prima di tutto, ma non è dovuta a questo la particolarità di quella giornata.

Semplicemente mi sono svegliata come niente fosse, con in mente un maledetto 2; senza sapere che una mia amica mi avrebbe resa felice, ancora di più, soltanto con un piccolo gesto.

Ed è stato così che, dopo tante parole dolci e bellissime, mi sono ritrovata davanti la libellula che era presente nella mia testa da anni ormai. Era così brillante da sembrare vera e irreale allo stesso tempo e, davvero, non ho parole.

Amica mia, ricorderò sempre il tuo sorriso soddisfatto dopo aver realizzato che il tuo dono mi piaceva. Sei bellissima quando sorridi.

 

Un’ala in particolare ha il colore del mare e quello del cielo. Una libellula un po’ bizzarra, se volete, ma così speciale.

Il fatto è che la libellula è l’animale preferito di mia mamma. E no, non uso il tempo passato per il verbo di questa frase!

Due. Two. Deux. Zwei. Dos.

2, molto semplicemente. “Siamo a due, perché questo è il secondo compleanno senza di te, mamma” pensavo dentro di me prima di tutto il resto che è arrivato più tardi.

Un semplice oggetto luminoso e impregnato di luce come gli occhi della ragazza che me lo ha regalato, però, è bastato per ricordarmi che lei è qui. Lei esiste, e questa è la mia più grande consolazione.

Lei mi (e ci) pensa e ama, ama da morire. Lei è luce e amore.

È nei giorni speciali che ci si ricorda delle persone speciali. Non solo per il fatto di essere, appunto, così speciali, ma per la loro capacità di esserci nonostante tutto. Perché alle persone speciali non importa la distanza, nemmeno l’apparenza. Semplicemente le persone speciali sanno essere felici, sanno sorridere anche se piove e se ne fregano del vento contro.
Ecco perché le persone speciali ci fottono tutti: non hanno paura.
E la gente ha paura di chi non ha paura.

Ecco tutto, solo questo.

Che ogni attimo possa fungere sempre da nuovo inizio per ogni distrazione, per ogni punto debole. Perché si può sempre ricominciare e riprendere il volo. Un volo fatto di luce solare e calda; di profumo di mare e di suono di ali che si librano libere verso un altro imminente sorriso.

Amica mia grazie ancora.

Mamma, grazie anche a te.

Vi voglio bene❤️